Ho perso un altro punto....voto 2

 

 

L’avevo detto che sarebbe servito un articolo per ringraziare tutti, ma ci sono gruppi e persone che non potevo proprio dimenticare in questo riepilogo di fine anno.

Il calcio è bello anche per questo, ci sono persone che da una vita condividono la tua passione e altre che incontri strada facendo e con le quali a volte in modo burrascoso instauri rapporti di vera amicizia per la passione che ci accomuna.

Quindi rileggendo il mio articolo dell’altro giorno, mi sono reso conto che di fatto avevo ringraziato tutti, ma in realtà ci sono elementi che non possono finire nei titoli di coda.

Pertanto cospargendomi il capo di cenere ed avendo già provveduto a togliermi un altro punto dalla mia valutazione, cerco di rimediare in clamoroso ritardo, ringraziando Elena ed Elisa delle Monelle, Marco Montorsi del gruppo enogastronomico che segue il Sassuolo calcio dagli anni bui della c2 come lo seguono da allora Mimmo e Morena.

Detto ciò, non dovevo dimenticarmi nemmeno di Giulio e Silvia(Giada) oppure di Andrea, gente che da qualche anno gira in lungo e in largo per l’Italia seguendo i colori neroverdi ovunque.

Sicuramente anche questa volta tralascerò qualcuno di importante, ma credetemi ognuno di voi ha un posto speciale dentro al vecchio cuore neroverde!!!

Simone Corsi

Simone Corsi

Questa rubrica sarà sempre "work in progres" perché, sinceramente, la mia opinione di tifoso è in continua evoluzione vista la situazione che sta vivendo il Sassuolo calcio. Ho iniziato a seguire i neroverdi nel 1984, l'anno della prima storica promozione in c2, e li seguo ancora in modo differente. Per anni sono stato nel direttivo degli Alkatraz Ultras Sassuolo e ho contribuito a tenere vivo il tifo neroverde nei bui anni della serie D. Oggi frequento la curva, conosco i ragazzi che la gestiscono ma non ho a che fare col tifo organizzato neroverde. Largo ai giovani!!! Mi ritaglio quindi un ruolo di osservatore/scancheratore che su questo sito dirà ciò che pensa come ha sempre fatto senza alcuna censura.

Condividi