CARPIMADNESS 2014

0

Prosegue il MODENA STREETBALL TOUR 2014 con la quarta tappa della manifestazione che va in scena a Carpi, all’interno della bellissima cornice del Club Giardino che ospitava la quinta edizione del CARPIMADNESS.

Il torneo si è sviluppato su tre serate di qualificazione, dove 37 squadre divise in 3 categorie – Under18, Standard (giocatori militanti nelle categorie amatori e 1°divisione) e Top della Gamma (atleti dalla Promozione a tutte le categorie superiori) – si sono date battaglia, anche superando il maltempo della prima serata di gioco, per ottenere il passaggio del turno e la possibilità di affrontare le fasi finali di venerdì 20 giugno.

In questa edizione lo staff del CARPIMADNESS ha voluto aggiungere un regalo speciale a tutti gli appassionati di basket della provincia; il giovedì è andato in scena non uno, ma ben due ALL-STAR GAME 5vs5 full court, uno femminile e uno maschile. Come vogliono le buone maniere, prima le ragazze: una selezione di giocatrici carpigiane ha affrontato un’ostica formazione composta da una rappresentativa di cestiste provenienti da Modena, Reggio Emilia e Bologna; i 40 minuti regolamentari hanno visto prevalere proprio quest’ultime e hanno assegnato il titolo di MVP della partita ad Erika Aleotti (14 pti a referto per lei). A seguire è stato il momento dei ragazzi: due squadre composte solamente da atleti carpigiani, differenziate dalle diverse date presenti sulle carte d’identità, per la precisione “Maturi” vs “Acerbi”. Tutto è stato reso molto più coinvolgente dalla scelta dello staff di dare la possibilità ai fan, tramite i social network, di scegliere i giocatori che sarebbero dovuti scendere in campo, in vero e proprio stile ALL-STAR WEEKEND NBA. Giovanni Pini, talento cresciuto nel settore giovanile di Carpi e ora militante nella massima serie per la Pallacanestro Reggiana, ha dominato il match mettendo a segno 41 punti e aggiudicandosi il premio di miglior giocatore dell’ALL-STAR GAME maschile.

Terminata la kermesse tutta carpigiana del giovedì, i riflettori del playground del CARPIMADNESS si sono riaccesi il giorno seguente sulle fasi ad eliminazione diretta delle tre categorie del 3vs3: nella categoria under18 vincono i “Marmo in Road”, che dopo un’inizio difficile dominano la finale grazie ai canestri di Matteo Saetti e alle bombe di Filippo Coli. La categoria standard ha visto trionfare il “MANZO TEAM” (Carlo fiori, Giulio Martinelli, Fede Manzini e Luca Salvarani) contro una squadra di ragazzi di camposanto alla prima partecipazione chiamata “I Figli del Mamba”. Infine, dulcis in fundo, il trofeo della categoria Top della Gamma è stato assegnato dopo una finale al cardiopalma tra la testa di serie “G-Unit” (Gasparini, Compagnoni e Mancin) e l’insidiosissimo team della bassa “Chi ga’ BON tira” (Mantovani, Galeotti, Barbieri e Aldrovandi). Dopo un largo vantaggio della squadra di Gasparini che sembra mettere l’ipoteca sul titolo, la rimonta guidata da Mantovani porta i “Chi ga’ BON tira” prima ad impattare, poi a sorpassare la squadra favorita sulla carta; chiude i giochi una bomba di Galeotti per il 33 a 28 finale.

La serata conclusiva del CARPIMADNESS è stata condita, inoltre, dalla gara del tiro da 3 punti, vinta da Leo Gasparini, dal ONE SHOT ONE OPPORTUNITY, tiro da metà campo che ha visto cimentarsi 5 fortunati estratti a sorte, anche se purtroppo nessuno degli dei del basket ha raccolto le loro preghiere, e dai balletti della formazione di cheerleaders delle “FLAMES”.

Come per le altre tappe del tour abbiamo sentito uno degli organizzatori, Mirko Dondi, che ci ha parlato del torneo: “Quest’anno, per la quinta edizione del CARPIMADNESS, volevamo offrire al pubblico qualcosa in più alla competizione del 3vs3 e l’idea dell’ALL-STAR GAME ci è sembrata la soluzione migliore. Il risultato è stato ottimo e ha ripagato sicuramente tutto l’impegno e il tempo dedicato alla preparazione e alla gestione per un evento che occupa quasi una settimana intera. Un ringraziamento va a tutti i partecipanti, a tutti gli spettatori, a tutto lo staff, agli arbitri Toskoy, Dargenio e Cosentino, al Club Giardino che ci ha ospitato e agli sponsor Galliani sport, Il Pane del Fornaio e Studiopack. L’insieme di questi elementi ha permesso una buona riuscita della manifestazione, quindi ancora grazie e appuntamento all’anno prossimo”.

Lo STRETTBALL continua a Modena con lo SCHIOCCHI STREETBALL MEETING e ovviamente su Parlando di Sport.

L'Autore

Niccolò Sangermano nato a Modena nel 1990. Pur essendo figlio di un calciatore con anche trascorsi nel Modena F.C, si avvicina alla pallacanestro grazie alla passione trasmessagli dai propri cugini passando le giornate a guardare videocassette di Michael Jordan, il quale diventa inevitabilmente il suo idolo indiscusso. Laureato in Economia e Marketing Internazionale cerca di sfruttare l’opportunità offerta da Parlando di Sport per scrivere della sua più grande passione: il basket.

Scrivi un Commento