foto: Modena Volley

Azimut Modena Volley, le pagelle di Gazzetta di Modena e Il Resto del Carlino

IL RESTO DEL CARLINO (a cura di Fabrizio Monari)

ORDUNA 6 (att. 0% su 3 con 1 err. e 2 muri sub., 1 b.s., 1 muro) – Un’altra partita di grinta, di abnegazione. Un’altra partita di sofferenza in prima linea, soprattutto a muro. Un’altra partita passata a volare altissimo sulle ali e a sbattere contro i giganti di posto-3. Peccato.
TRAVICA sv – Pochi passi in campo. Il suo ritorno in gialloblù si è fermato alle fiammate decisive nella serie con Verona.
VETTORI 7 (att. 61% su 33 con 1 err. e 3 muri sub., 3 b.s., 1 muro) – Se sarà un addio, l’ultima istantanea sarà degna di una gigantografia: prestazione magnifica, anche esteticamente, nell’attacco da posto-2. Se ci fosse stato qualcun altro a ricevere le sue bordate anziché Grebennikov sarebbe tornato a casa col pallone della partita.
PETRIC 6,5 (att. 48% su 21 con 2 err. e 2 muri sub., ric. 27% su 30 con 2 err., 1 b.s., 2 muri) – Partita di grinta e di rabbia, un riscatto degno di un capitano. E’ arrivato alla fine di una stagione interminabile con le ginocchia in fiamme, sorretto dall’orgoglio. Mai nessuno, dopo l’ultima annata, si sarebbe aspettato Nema sempre in campo.
NGAPETH 7 (att. 52% su 40 con 1 err. e 6 muri sub., ric. 41% su 22 con 1 err., 5 b.s., 3 muri) – Il tie break si perde sui muri che incassa da Stankovic. Non è stato il miglior Earvin della stagione, ma è normale che sia così: marcato in modo asfissiante, se le è giocate tutte – anche il cartellino giallo – per tenere in piedi la sua squadra.
MASSARI 6,5 (ric. 83% su 6) – Altra buona prova in ricezione.
PIANO 6 (att. 0% su 4 con 1 muro sub., 2 b.s., 5 muri) – Lo sa meglio lui dei suoi avversari, che le sue chance di influire sulla serie si presenteranno a muro e non in attacco: per due set è perfetto, poi Sokolov gli prende le misuree lo bombarda. Decisiva una serie al servizio flottante nel secondo set.
HOLT 6 (att. 33% su 6, 1 ace, 5 b.s., 2 muri) – Sporca i numeri, qualche volta stecca, è sfortunato al servizio. Ci mette la grinta e le mani, non l’attacco – smarrito misteriosamente attorno a metà stagione. Rimarrà, e farà meglio.
LE ROUX sv – Breve apparizione. Il fatto che non sia mai stato buttato dentro per tentare il servizio desta i peggiori sospetti, ma soprattutto chiude senza sussulti una stagione piena di rimpianti.
SWAN sv – E’ quasi riuscito a far saltare la ricezione di Grebennikov.
ROSSINI 6 (ric. 42% su 26) – Non ha brillato, né ceduto. E’ finito in un turbine arruffone di onesti tentativi nel primo caotico set, poi si è assestato.
All. TUBERTINI 6 – E’ il voto della squadra, onorevole ma sconfitta. Con una certezza: è andata meglio di come chiunque si sarebbe aspettato, da febbraio in poi.

GAZZETTA DI MODENA (a cura di Francesco Cottafava)

ORDUNA 6 (1 punto, 1 bp, -3 v-p, 1 err batt, 1 muro) Conclude la stagione come l’aveva iniziata, ovvero lottando come un leone. La gestione della gara non è impeccabile però, si dimentica completamente i centrali a cui serve 10 palloni sui 107 totali.
VETTORI 7 (21 punti con il 61%, 1 bp, +14 v-p, 3 err batt, 1 muro) Il migliore in casa Azimut, alla faccia di chi sostiene che sia già con la testa altrove e che giochi per un’altra squadra. Vettori è un giocatore fondamentale per questa Modena, il futuro gialloblù ruota attorno la sua permanenza.
NGAPETH E. 6.5 (24 punti con il 52%, 7 bp, +11 v-p, 5 err batt, 3 muri) Le due murate consecutive subite da Stankovic nel tiebreak condannano Modena ad uscire dalla corsa scudetto. Due errori capitali, per il resto grande partita. Fantastico a muro dove da solo argina Juantorena e Sokolov.
PETRIC 6.5 (12 punti con il 48%, 4 bp, +5 v-p, 1 err batt, 2 muri) In attacco ritorna su alti livelli, è decisivo nei set vinti. In ricezione però soffre e la Lube lo mette alle corde.
HOLT 6 (5 punti con il 33%, 3 bp, 0 v-p, 1 ace e 5 err batt, 2 muri) A muro e al servizio fa il suo dovere e si merita la sufficienza, mentre in attacco è incostante anche se è servito con il contagocce.
PIANO 6 (3 punti con lo 0%, 2 bp, 0 v-p, 2 err batt, 3 muri) In attacco chiude con 0 su 4, ma il suo mestiere è quello del “muratore” e lo fa bene. Con la sua float Modena porta a casa il secondo parziale.
ROSSINI 5.5 (42% di ricezione positiva e 19% di ricezione perfetta) Nervoso e impreciso. Forse il suo pesante sfogo dopo l’uscita di scena in Champions League ha destabilizzato proprio il libero laziale.
MASSARI 6.5 Entra per rinforzare la seconda linea. Riceve con sicurezza e senza sbavature.

Monica Mares

Monica Mares

Monica Mares, torinese classe 1981 si avvicina alla pallavolo nel 2006 quando, durante i giochi olimpici invernali di Torino 2006, lavora come assistente personale di Roberto Ctvrtlik, ex giocatore statunitense degli anni '90. Cinque anni dopo inizia a collaborare con il Giaveno volley in A2. Dal 2011 al Gennaio 2013 la troviamo a Modena, nello staff gestione della parte stampa e comunicazione web della squadra femminile. Firma di Pallavoliamo.it entra nella nostra scuderia per raccontarci le emozioni, i retroscena e gli sviluppi del volley. Passione, grinta e determinazione rappresentano questa ragazza che arriva dal nuoto sincronizzato e cui motto è " Atleta ero e atleta resterò per sempre"

Condividi