Serie D - Il regolamento e la procedura dei playoff per la stagione 2018/19

Nonostante il distacco di sei punti dalla capolista Pergolettese, il Modena, a dieci giornate dal termine del campionato, è ancora in corsa per la vittoria finale. La squadra di mister Bollini deve crederci, provando a rialzare la testa già dalla partita casalinga di domenica prossimo contro il Fanfulla, quarto in classifica e reduce dal netto successo ottenuto contro l’Adrense. Nel caso in cui i gialloblù non dovessero centrare l’obiettivo, ecco che si aprirebbero le porte dei playoff, le cui modalità sono state pubblicate dalla Lnd negli scorsi giorni (clicca qui per il comunicato integrale). Lo scorso anno, dalla D alla C, grazie alla vittoria dei playoff, sono state ripescate Cavese e Imolese.

Confermato il format in due turni: partecipano alla prima fase le società classificatesi al 2°, 3°, 4° e 5° posto in ognuno dei 9 gironi. In caso di parità al termine del campionato tra squadre occupanti le posizioni indicate, si terrà conto degli scontri diretti ed in caso di ulteriore parità, nell’ordine: della differenza reti nel confronto tra loro, della differenza reti generale, del numero di reti segnate in campionato, del miglior piazzamento in Coppa Disciplina e in ultima istanza il sorteggio. Le quattro squadre interessate si affronteranno in una gara unica secondo questo schema: 2^ contro 5^ e 3^ contro 4^, gioca in casa quella con il miglior piazzamento in classifica. Lo stesso criterio determinerà il passaggio del turno qualora persistesse la parità al termine dei tempi regolamentari e degli eventuali supplementari. Le vincenti si incontreranno nella seconda fase, sempre in gara unica con la squadra di casa individuata dal piazzamento ottenuto in campionato. Anche in questo caso il piazzamento in classifica determinerà la squadra vincitrice in caso di parità al termine dei tempi regolamentari e degli eventuali supplementari.

Graduatoria finale: Le nove squadre vincitrici saranno inserite in una graduatoria stilata secondo i seguenti criteri: quoziente punti al termine del campionato (calcoli sviluppati a seconda dei gironi a 20 o a 18 squadre); in caso di parità numerica miglior  posizione in classifica al termine del campionato; persistendo la parità la posizione migliore in Coppa Disciplina. Previsti inoltre i seguenti bonus: 0,50 alla squadra vincitrice la Coppa Italia Serie D; 0,25 alla squadra perdente la finale della Coppa Italia Serie D; 0,10 alla squadra classificatasi al primo posto del girone per il Concorso “Giovani D Valore”; 0,05 alle squadre classificatesi al secondo e terzo posto di ciascun girone per il Concorso “Giovani D valore”.

Federico Sabattini

Federico Sabattini

Federico Sabattini, nato a Modena nel '94. Iscritto all'elenco dei giornalisti pubblicisti. Vicedirettore di ParlandodiSport.it, segue le realtà sportive di Modena, Carpi e Sassuolo. Collaborazioni occasionali con "TV Qui". Precedentemente ha scritto anche per i portali "I am Calcio" e Mondo Calcio.

Condividi