Modena Volley - Rassegna stampa, Zaytsev: "Anche io ogni tanto non dormo la notte"

Come riporta la Gazzetta di Modena, Ivan Zaytsev, ospite nella trasmissione “Barba e Capelli” di Trc, ha commentato il momento difficile che sta attraversando la squadra: “Ogni tanto non dormo per via di questa situazione. Così come altri miei compagni. Ci scambiamo messaggi nel corso della notte nei quali “sbrocchiamo” e cerchiamo di capire che cosa non vada. Adesso viene il bello perché ai play off si rimescola tutto. Arrivare quarti sarebbe un grande vantaggio, puntiamo tutto su quello in questo momento. La stagione non è finita: siamo partiti con degli alti, la vittoria della Supercoppa italiana, poi abbiamo avuto tanti bassi. Fino ad oggi non siamo mai riusciti a mantenere un livello di gioco costante e migliorare. A Verona sarà una di quelle partite dove ti giochi un pezzo di stagione. Ce ne sono tante nel corso dell’anno, una era quella di Milano che è poi finita malissimo. Noi ci stiamo preparando al massimo, sarà un match tosto ma molto stimolante. Christenson? Sta lavorando duramente e non vede l’ora di giocare. Ci ha sempre sostenuto anche da fuori. Ho imparato conoscermi, so gestirmi fisicamente. Le prestazione negative dipendono solamente da me, sono sempre stato in condizioni buone per giocare. Non sono contento di come sto giocando.  Come facciamo a riacquistare fiducia? La fiducia non arriva solamente dalle vittorie ma si costruisce ogni giorno, ogni allenamento, magari anche dopo una sconfitta 3-0 contro Trento. Tutti diamo il massimo, come Keemink che viene per primo in palestra. Anzi, secondo, perché il primo sono io. Il rapporto con il pubblico è buono perché ci spingono a dare sempre il massimo, anche con qualche fischio. Ogni tanto anche io mi sarei fischiato, come l’altro giorno quando ho tirato un coriandolo in battuta fuori due metri. Ci è mancato anche un pizzico di fortuna perché siamo entrati in loop negativo iniziato con l’infortunio di Christenson, poi proseguito con un calendario complicatissimo. Le tante sconfitte ci hanno tolto certezze e sicurezze. Sono tutte cose che, pian piano, stiamo cercando di recuperare, vi garantisco che ce la stiamo mettendo tutta. Abbiamo parlato mille volte tra di noi: tutti insieme, separati, a gruppi di due o di tre. Stiamo tutti cercando di capire come e dove migliorare. Questi risultati negativi non se li merita Modena e non se li merita questa società. Le voci su un mio futuro lontano da Modena sono solo chiacchiere da bar. Ho accettato un progetto triennale di Modena e sono qui per giocare per questa società. A meno che non mi vogliate mandare via. Ma né la società e né la proprietà mi hanno parlato a riguardo. In città si sta benissimo, nulla da dire su Modena. Trattative con Milano? Non ci ho mai parlato. Fusaro mi ha chiesto scusa dopo che aveva detto che mi aveva parlato in estate, non era vero“.

Condividi