Le pagelle dei gialli. Cionek, Molina, Garofalo monumentali e se Billy avesse fatto gol...

Foto Modenafc.net

Pinsoglio 7. Praticamente fa una sola parata in tutta la gara, ma c’è una particolare, è straordinaria. Si allunga e con un colpo di reni strepitoso toglie a Verdi la gioia del gol. Un numero uno di altissimo livello

Gozzi 6,5. Bene, sia quando spinge che quando difende, aveva davanti attaccanti scomodi e se la è cavata più che dignitosamente

Cionek 7,5. Partita da gladiatore. Non sbaglia un intervento che sia uno, fa sentire i suoi muscoli a Tavano e Maccarone, che restano praticamente senza….palloni

Marzorati 7. Molto bene. Gioca una gara attenta, guidando la retroguardia e senza far sentire la mancanza di Zoboli, si è integrato al meglio, e si sente

Manfrin 6,5. La miglior gara da terzino sinistro da quando è a Modena. Ottimo dietro, efficace anche in avanti

Molina 7,5. C’è poco da fare, quando mette la quarta lui il Modena cambia faccia. Nel secondo tempo fa impazzire la retroguardia empolese, con giocate da serie A, perché Pasodoble è giocatore da categoria superiore

Bianchi 7. Un leone a centrocampo, come mai lo avevamo visto a Modena. Lotta su tutti i palloni, li sradica e li gioca, questo è il Bianchi che serve ai gialli.

Salifu 7. Fa tanta legna in mezzo al campo e non tira mai indietro la gamba, The wall c’è e si vede, o meglio, si sente (58′ Dalla Bona 5,5. Ritmo compassato, palloni fiacchi, non ha la gamba per giocare)

Garofalo 7,5. Il pendolino non si smentisce e fa la fascia cento volte senza fiatare. Sarebbe da clonare per qualità e quantità (90′ Nardini, sv)

Granoche 6,5. Lotta come un matto e se Babacar ha tante occasioni è anche perché El Diablo corre e sportella come un ragazzino che vuole il posto in mezzo alla squadra dei “grandi”. Arrivasse un gol a sbloccarlo…. (79′ Stanco, sv)

Babacar. 6,5. Croce e delizia. Avesse fatto uno dei quattro gol che poteva fare o che si era costruito gli avremmo dato otto, ma oggi Il Re Leone è mancato davanti alla porta, fallendo gol che non si possono fallire. Ha però lottato, e messo in mostra una classe di altro pianeta.

Gian Paolo Maini

Gian Paolo Maini

Gian Paolo Maini è editore e direttore della testata parlandodisport.it che ha fondato nel marzo 2014. Classe 1979, diventa giornalista nel 2008 ed inizia con la carta stampata per poi proseguire con radio e tv, di cui si occupa ancora. Scrive il suo primo libro "La prima corsa di Enzo Ferrari" nel 2013. Ha creato eventi sportivi e culturali con la propria agenzia di comunicazione ed oggi continua a farlo come libero professionista. Da 4 anni è addetto stampa di Modena Volley (Serie A maschile) e manager nel gruppo Rpm Media e Radio Pico.

Condividi