Liu Jo Nordmeccanica Modena, punti importanti contro Filottrano

Foto: Salvatore Marrone

LIU•JO NORDMECCANICA MODENA-LARDINI FILOTTRANO: 3-0

Risultati parziali:
25-21
25-23
25-22

MVP: Francesca Ferretti

CRONACA DELLA PARTITA

Primo set.

Può dare continuità al suo sestetto coach Fenoglio che schiera anche questo pomeriggio Ferretti in regia, Barun opposto, Bosetti e Mingardi in posto quattro, Heyrman e Calloni al centro con Leonardi libero.
Dall’altra parte coach Nica dispone del suo sestetto tipo con Bosio al palleggio, Tomsia opposto, Scuka e Mitchem in posto quattro, Hutinski e Mazzaro al centro con Feliziani libero.

Primo pallone del match messo a terra da Tomsia, poi le risponde Bosetti e Modena spinge subito forte portandosi avanti con i punti messi a segno da Calloni e Barun. Ace dell’opposta per l’8-3, poi le ospiti sfruttano qualche errore al servizio bianconero e i colpi di Hutinski e Mitchem per rimanere a distanza senza ricucire, ma nemmeno senza vedersi allontanare nel punteggio in maniera perentoria. Calloni trova il vincente dai nove metri, con l’aiuto del nastro, per il 14-8 e Nica ferma tutto giocandosi il suo primo time out discrezionale. Tra le fila di Filottrano il cambio palla è sistematicamente affidato a Mitchem che risponde presente, mentre dall’altra parte Ferretti riesce a mantenere in palla tutte le proprie attaccanti. Il muro ospite funziona a tratti consentendo alla squadra di tentare il riavvicinamento, ma non è sufficiente per riaprire un set che chiude Ferretti con il colpo di seconda per il 25-21.

Secondo set.

Dopo un ottimo primo set Calloni riparte forte con muro e due attacchi vincenti nel 4-2 bianconero, ma questa volta Filottrano rimane a contatto e si gioca punto a punto la prima fase del set. Mitchem trova l’ace del 7-7 poi sbaglia dai nove metri e propizia il primo mini parziale bianconero che porta al 10-7 proprio con il punto al servizio di Heyrman. Time out per coach Nica, Bosetti sfrutta le mani del muro per allungare a +4 poi Mingardi passa in mezzo al muro per il punto del 15-10. Sembrano potersi dilatare le distanze in questa fase centrale del set, ma così non sarà perché arriva la reazione di Filottrano con Tomsia, Hutinski e il muro che porta al pareggio sul 18-18. Entra anche Montano per Barun e coach Fenoglio si gioca il suo secondo stop, ma al ritorno in campo c’è anche il sorpasso con Tomsia ed il +2 ospite sul 19-21 con l’attacco out di Bosetti. Ci pensa Montano nel finale di set con due vincenti consecutivi a riportare avanti Modena sul 23-22, ferma tutto allora anche Nica ma Tomsia attacca in rete regalando sue set point alle bianconere. Il primo lo annulla Scuka, poi al secondo Mingardi chiude portando la sfida sul 2-0.

Terzo set.

Montano, confermata in sestetto, e Mingardi confezionano subito il 5-1 che apre un parziale decisivo in ogni senso per entrambe le formazioni. Filottrano, però, come da sua caratteristica in questo periodo non molla mai e ricuce immediatamente sfruttando la propria difesa ed il contrattacco. Dal punteggio di 10-7 firmato Mingardi c’è il parziale che porta fino all’11-13 sul pallone sparato out da Montano. Modena, però, supera il momento di difficoltà e si rimette subito in carreggiata. Le marchigiane continuano a spingere sfruttando anche un’ottima Scuka che pallone dopo pallone è entrata sempre più nel match con il passare dei minuti. Calloni porta la Liu•Jo Nordmeccanica allo sprint finale sul 19-18 e l’ace di Ferretti scava il break sul 21-19, time out ospite e due punti consecutivi di Scuka per il nuovo pari, ma è proprio nel finale che dai nove metri Calloni regala a Montano il rigore del 24-22 e converte subito il primo match point per i tre punti bianconeri.

La palleggiatrice Francesca Ferretti: “Abbiamo portato a casa tre punti e meno male perché ci servivano, anche per il lavoro che stiamo facendo perché abbiamo fatto una settimana di tanto lavoro e qualità. Poi ci serviva anche per la classifica contro una squadra che non abbiamo mai sottovalutato in questa partita visti i risultati con Novara e Scandicci. Rispetto all’andata sono molto migliorate e non sono assolutamente una formazione da prendere sotto gamba, poi c’è sempre quel blackout verso fine set che ci fa raggiungere, ma oggi stiamo state brave a non farci superare o comunque a non perdere nessun set. Abbiamo una rosa veramente competitiva, con ‘riserve’ che potrebbero giocare titolari sia qua che in altre squadre. Questo ci fa stare anche più tranquille, la qualità dell’allenamento è molto più alta e nel caso una non giri o sta male si sa che c’è una sostituta degna come capitato già da settembre. Con gli ultimi arrivi, però, questa cosa vale ancora di più”.

Il coach Marco Fenoglio: “Nel primo set abbiamo fatto molto bene, un set di qualità. Abbiamo avuto il 65% in attacco e loro il 60%, come noi hanno giocato forte, ma la cosa che abbiamo fatto molto bene è stato l’attacco in cambio palla, sulla prima azione abbiamo avuto il 65% e rispetto alle altre volte abbiamo fatto molto bene in contrattacco, con un 42% che è tanto per una squadra femminile. Un altro dato veramente importante sono i soli 3 errori su 104 attacchi, segno che non abbiamo sbagliato quasi nulla, ma nonostante tutto questo siamo rimasti sempre lì, questione di cinismo in particolare nel secondo e terzo set. E’ il solito discorso, a Novara avanti come oggi abbiamo perso, mentre questa volta abbiamo vinto, ma con le squadre più forti non si riesce. Questo è quello che un po’ ancora ci manca. Lo spostamento di Montano nel ruolo di opposto? Un po’ perché lo è sempre stata, in questo ruolo ha fatto grandi cose in carriera, e un po’ per necessità fisiche. Senza la ricezione può pensare solo all’attacco ed inoltre che penso che con la palla di Francesca possa fare molto bene”.

Monica Mares

Monica Mares

Monica Mares, torinese classe 1981 si avvicina alla pallavolo nel 2006 quando, durante i giochi olimpici invernali di Torino 2006, lavora come assistente personale di Roberto Ctvrtlik, ex giocatore statunitense degli anni '90. Cinque anni dopo inizia a collaborare con il Giaveno volley in A2. Dal 2011 al Gennaio 2013 la troviamo a Modena, nello staff gestione della parte stampa e comunicazione web della squadra femminile. Firma di Pallavoliamo.it entra nella nostra scuderia per raccontarci le emozioni, i retroscena e gli sviluppi del volley. Passione, grinta e determinazione rappresentano questa ragazza che arriva dal nuoto sincronizzato e cui motto è " Atleta ero e atleta resterò per sempre"

Condividi