Foto Sara Bonfiglioli

Modena Rugby 1965, espugnata anche Arezzo: il Giacobazzi da trasferta funziona

Vasari Rugby Arezzo-Giacobazzi Modena Rugby 1965 14-24

Marcature: 10’ meta Cimardi tr Michelini, 23’ meta Trotta tr Michelini, 34’ meta Biskupec tr Michelini, 53’ meta Fiore tr Scartoni, 66’ meta D’Antonio tr Scartoni, 77’ cp Michelini.

Vasari Arezzo: Bruni; Piergentili, Fiore, Cocchi, Mangano; Scartoni, Rupi; Califano, Catone, Accioli; Giusti, Donvito; Renzetti, D’Antonio, Roselli. A disposizione: Serafini, Giabbani, Innocenti, Onizzolo, Bouguera, Marzotti, Vespi. All. Zelli.

Giacobazzi Modena: Biskupec; Utini, Orlandi, Trotta (46’ Uguzzoni), Pianigiani; Michelini, Esposito (57’ Rovina); Cimardi (62’ Furghieri), Venturelli L., Venturelli M.; Dormi, Cojocari; Milzani (57’ Righi), Gibellini (67’ Rodriguez), Faraone (41’ Rizzi). Non entrato: Petti. All. Ivanciuc.

Arbitro: Franco Rosella (Roma).

Note: Ammoniti: 7’ Catone (Arezzo), 53’ Cimardi (Modena), 76’ Venturelli M., 76’ Roselli (Arezzo), 80’ Onizzolo (Arezzo). Risultato primo tempo: 0-21. Punti conquistati in classifica: Modena 4, Arezzo 0.

“Terza vittoria esterna consecutiva per il Giacobazzi Modena Rugby, che regola 24-14 il Vasari Arezzo, già condannato ai play out dalla scorsa domenica. In Toscana la squadra di coach Ivanciuc detta legge nel primo tempo, poi non trova il colpo del ko e subisce il ritorno dei padroni di casa, ma alla fine esulta per la terza volta di fila lontano da Modena, dopo le vittorie a Bologna e Parma. Coach Ivanciuc ritrova la prima linea titolare e inserisce a sorpresa il centro Trotta nel XV di partenza. La prima frazione di gioco è un monologo biancoverdeblù: le mete di Cimardi, Trotta e Biskupec, tutte trasformate da Michelini (oggi schierato all’apertura) certificano la differenza tecnica tra le due squadre, già evidenziato un girone fa nella gara di andata. Si va a riposo sul 21-0 per il Giacobazzi, parziale che sta stretto ai geminiani per le tante occasioni non capitalizzate. Nella ripresa il Vasari ci prova e al 53’ torna in corsa grazie alla meta di Fiore trasformata da Scartoni. Il margine è ancora ampio, ma la meta subita è un campanello d’allarme: passano altri 13 minuti e il Vasari sigla il bis con D’Antonio, che con la trasformazione di Scartoni arriva a distanza di break. Nei cinque minuti finali le due squadre rimangono con un uomo in meno per il giallo al pilone aretino Roselli e a capitan Venturelli, poi Michelini mette al sicuro la vittoria biancoverdeblù centrando i pali dalla piazzola. Un successo che fa morale, ma che cambia poco nella graduatoria del girone: con l’affermazione di Arezzo, la sesta stagionale, gli uomini di coach Ivanciuc scavalcano Rieti al terz’ultimo posto e restano agganciati al gruppo di metà classifica, quando mancano due turni alla fine della stagione regolare”.

Serie B (girone 2), Risultati 9^ giornata di ritorno: Vasari Arezzo-Giacobazzi Modena 14-24 (0-4), Medicei-Florentia 35-15 (5-0), Rugby Parma-Livorno 33-26 (4-2), Bologna 1928-Rieti 99-7 (5-0), Civitavecchia-Pesaro 20-30 (0-5), Romagna-Amatori Parma 27-0 (4-0).

Classifica: Pesaro 83, Medicei 80, Livorno 70, Bologna 1928 66, Romagna 55, Amatori Parma 52, Civitavecchia 41, Rugby Parma 38, Florentia 37, Giacobazzi Modena 35, Rieti 32, Vasari Arezzo 8.

Prossimo turno, 10^ giornata di ritorno (06/05/2018): Giacobazzi Modena-Civitavecchia, Florentia-Pesaro, Amatori Parma-Rugby Parma, Livorno-Vasari Arezzo, Bologna 1928-Medicei, Rieti-Romagna.

Serie C2. La Cadetta del Giacobazzi Modena Rugby impone la legge di Collegarola agli Highlanders Formigine e fa suo il derby con il punteggio di 29-27. Grande primo tempo dei ragazzi di coach De Simone, avanti con le mete di Salardi, Parmeggiani e la doppietta di Di Pascale. Nella ripresa gli Highlanders rimontano, ma a due minuti dalla fine la meta di Barbolini fa gioire il pubblico di Collegarola. Così in campo il Giacobazzi Modena B: Torri; Casarini (60’ Borghi), Kubler, Cremonini, Di Pascale (41’ Barbolini); Bursi, Caiti; Maccaferri, Parmeggiani, Salardi; Vanzini (60’ Flores), Maiga (50’ Mariani); Flammia, Secchi (70’ Abba), Zouhair

Condividi