Sabato 16 giugno il tradizionale appuntamento con "Modena Terra di Motori"

Torna il tradizionale appuntamento con l’evento “Modena: Terra di Motori”: promosso da ACI in partnership con la Camera di Commercio ed il Comune di Modena e con il Patrocinio dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Nuova modalità di raccontare la nostra terra, famosa per avere dato i natali alle più belle macchine del mondo. Un evento che vuole coniugare passione, tradizione e innovazione per il motorismo.

La mattinata  inizierà alle ore 10 con un convegno dal titolo “Quanto è forte l’heritage della Motor Valley?” che si propone d’illustrare come la presenza dei Musei della Motor Valley hanno creato un valore culturale ed economico per la nostra regione. L’evento si terrà presso la “Sala Giuseppe Panini” della Camera di Commercio di Modena e vedrà la partecipazione di esperti e protagonisti che hanno dato vita alla Terra di motori emiliano romagnola. Saranno presenti il Sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, il Vice presidente della Camera di Commercio Giancarlo Cerchiari, l’Assessore al Comune di Modena Ludovica Carla Ferrari, il Presidente ACI Modena Vincenzo Credi e i rappresentanti del progetto regionale Motor Valley e delle più prestigiose case automobilistiche e Musei regionali tra i quali Pagani, Dallara, Collezione Umberto Panini, Museo Fratelli Cozzi; la relazione introduttiva è a cura di Marco Montemaggi, Consigliere della Associazione Musei d’Impresa

Al pomeriggio, seguirà una Parata di prestigiose auto e moto d’epoca per le strade della città che si concluderà al Parco Ferrari con una passerella di straordinarie vetture da collezione. A seguire, una Performance in Viale Italia ( chiusa al traffico dalle ore 16 alle ore 18) per ricordare il vecchio rettilineo dell’ Aerautodromo. Storia Passione e innovazione saranno rappresentate da una Auto Avio Costruzioni 815 la prima auto realizzata da Enzo Ferrari; alla guida il nipote di Mario Righini, Max, poi la Maserati 250F, una monoposto di Formula 1, che ha corso tra il 1954 ed il 1960, alla guida Matteo Panini. Il futuro è un auto a guida autonoma frutto di ricerca e sperimentazione della Università di Modena e Reggio Emilia.

A conclusione della giornata, verranno inaugurate le statue dei nuovi busti dei piloti famosi che hanno fato di Modena una piccola Indianapolis ( autore Alessandro Rasponi ). Seguirà poi  la visita alla nuova Torre di controllo restaurata con accompagnamento musicale della Corale Rossini.

Un ringraziamento a BPER Banca che da sempre si attiva per contribuire alla realizzazione di manifestazioni motoristiche e non solo che valorizzino il nostro territorio e a tutti i membri dei club che hanno collaborato con entusiasmo per dar vita  a questa nuova edizione di Modena terra di Motori. Si ringraziano in particolare: Club Motori di Modena – Modena Corse, Circolo della Biella, Motoclub 2000 Modena, Historic Motor Club Soliera, Club Antiche Ruote Guiglia, Auto e Moto d’Epoca Marchese Lotario Rangoni Machiavelli , Moto Club Villa, M.C. Ghirlandina – Romano e Walter Villa, Classic Club Vignola.

Condividi