Modena-Reggiana, 11mila presenti. Un anno dopo il riscatto di una città intera

Il 28 novembre del 2017, un anno e due giorni fa, il Modena di mister C e dei banditi che lo avevano affiancato, falliva, nel pieno dolore di chi ne aveva seguito la lenta e dolorosa fine. Di quel giorno triste e terribilmente pesante nessuno si dimenticherá, ma non puó piovere per sempre e finalmente, domenica, il Modena avrà la sua resurrezione. Si perchè lo sport ed il calcio sono fatti di riti, di immagini, di momenti e se la coreografia della prima giornata di Serie D al Braglia è stato il Natale gialloblù, quella che si vedrà domenica sarà una Pasqua, una vera e propria resurrezione. La Montagnani esaurita saluterà l’entrata in campo dei gialli e i 2mila quadrati nella curva ospite gli ricorderanno che la mamma modenese ecc ecc. Sarà dolcissimo vedere il giallo e il granata reincontrarsi sul campo, sará godurioso ascoltare l’inno in dialetto del Modena, anzi “dal Modna”, partire dalla sud ed arrivare sino alla Ghirlandina. Sarà il momento in cui Modena riabbraccierá del tutto il Suo Modena. Che derby sia dunque, e che vinca il migliore… Anzi, che vincano i gialli.

Gian Paolo Maini

Gian Paolo Maini

Gian Paolo Maini è editore e direttore della testata parlandodisport.it che ha fondato nel marzo 2014. Classe 1979, diventa giornalista nel 2008 ed inizia con la carta stampata per poi proseguire con radio e tv, di cui si occupa ancora. Scrive il suo primo libro "La prima corsa di Enzo Ferrari" nel 2013. Ha creato eventi sportivi e culturali con la propria agenzia di comunicazione ed oggi continua a farlo come libero professionista. Da 4 anni è addetto stampa di Modena Volley (Serie A maschile) e manager nel gruppo Rpm Media e Radio Pico.

Condividi