Dilettanti - Domenica la Terza Categoria tornerà in campo: in entrambi i gironi è ancora tutto da scrivere

Dopo oltre due mesi di pausa, domenica riprenderà il campionato di Terza Categoria con ancora nove gare da disputare ed un rush finale da vivere alla grande visto che, in entrambi i gironi, tutto è ancora da scrivere.

GIRONE A – La prima parte di stagione ha fatto capire che, a meno di clamorosi ribaltoni, sarà corsa a due per la promozione diretta tra Ubersetto e Real Maranello (finalista di Coppa). La capolista, che avrà un inizio difficile perché sarà impegnata sul campo del San Vito (terza della classe), ha dimostrato di essere una vera e propria corazzata con una grande solidità difensiva (miglior difesa con 4 reti subite) ed un attacco prolifico (secondo con 32 reti all’attivo). A dare filo da torcere all’Ubersetto c’è però un Real Maranello, distante sole tre lunghezze dalla capolista, che così come la prima della classe è ancora imbattuto in campionato e vanta un ottimo ruolino di marcia, oltre al miglior attacco con 35 gol fatti in 13 gare. Al contrario dell’Ubersetto, però, la formazione di Maranello avrà il vantaggio di iniziare con una gara facile in quanto affronterà il fanalino di coda Union 81, ancora fermo a 0 punti.

Diverse, invece, sono le squadre che lotterano per un posto nei playoff e oltre al già citato San Vito, terzo in classifica, ci sono sicuramente Magreta, reduce da una buona prima parte di stagione e con una gara ancora da recuperare, Appennino 2000, dal quale ci si aspettava che potesse lottare per la promozione diretta ed invece, complici anche diversi infortuni, non è riuscito a tenere il passo delle prime due, San Francesco Smile e Audax Casinalbo, sorpresa di questo girone. L’outsider, che ha ancora qualche chance per poter rientrare nella corsa agli spareggi promozione, potrebbe essere Terre di Castelli che si è rinforzata nel mercato invernale, ma rispetto alla prima parte di stagione deve trovare maggiore continuità. L’inizio sarà fondamentale per la squadra vignolese che, per non perdere il treno playoff, è costretta a fare risultato contro la San Francesco Smile.

 

GIRONE B – Più che una Terza Categoria di provincia, il girone di quest’anno sembra un vero e proprio campionato regionale formato da squadre di Modena, Reggio Emilia, Bologna e Ferrara. Tra questo mix di formazioni, spiccano le squadre della nostra provincia: sei su sette, infatti, si trovano nella parte alta della classifica. Cabassi (secondo miglior attacco con 31 gol realizzati e finalista di Coppa), Carpine (miglior dfiesa con 7 gol incassati) e Cortilese (buona difesa con 12 gs, ma attacco poco prolifico con 18 gf) sono le tre formazioni in lotta per la promozione. Più defilato, invece, lo Junior Finale (al quarto posto a 6 dalla vetta) che nella prima parte di stagione ha dimostrato di essere leggeremente inferiore alle altre non avendo mai vinto gli scontri diretti con le prime tre della classe, né in campionato nè in Coppa. Sembrerà banale dirlo ma nella lotta al vertice a fare la differenza non saranno solamente gli scontri diretti, ma in particolare la spunterà la squadra che riuscirà ad avere più continuità e, soprattuto, che perderà meno punti contro le compagini di medio-bassa classifica.

L’ultimo posto per i playoff, con il compito di dover ridurre anche il gap dalla seconda posizione (attualmente a 9 punti di distanza) per poter disputare gli spareggi promozione, se lo giocano Monari, Young Boys e Rubiera. La Monari, in virtù anche di un ottimo reparto offensivo (miglior attacco con 33 gol), appare la squadra più attrezzata per guadagnarsi almeno la quinta posizione e la sfida di domenica contro la formazione di Cognento potrà già dare molte indicazioni in un senso o nell’altro.

Matteo Migliori

Matteo Migliori

Matteo Migliori, nato a Sassuolo nel '94. Vicedirettore del sito ParlandodiSport.it ed esperto del "mondo" dei dilettanti. Addetto stampa ACD Castelvetro di Modena.

Condividi