Dilettanti - Sant'Anna, Toni Seclì: "E' una stagione sfortunata, dobbiamo raggiungere la salvezza il prima possibile"

Nella giornata odierna, abbbiamo intervistato il capitano del Sant’Anna Toni Seclì che ha parlato dell’andamento della stagione della squadra biancorossa nel campionato di Seconda Categoria.

Girone di andata al di sotto delle aspettative, cosa non è andato nella prima parte di campionato?
“A dire il vero, la classifica è un po’ bugiarda perché abbiamo buttato via, almeno quattro volte, la vittoria nei minuti finali. Purtroppo, esistono anche delle stagioni del genere dove non gira nulla per il verso giusto”.

I playoff sono distanti 6 punti e avete 3 lunghezze di vantaggio sui playout: guardate ancora avanti o l’obiettivo stagionale è cambiato?
“L’obiettivo è sempre stato quello di raggiungere la salvezza il prima possibile, poi se fosse arrivato qualcosa di più tanto di guadagnato. Detto questo, dobbiamo raggiungere quota 26 punti in fretta e furia”.

Cos’è cambiato con l’arrivo del nuovo allenatore?
“Molti miei compagni hanno subito il colpo del cambio di allenatore perché di mezzo c’era anche un bel rapporto di amicizia, ma è comunque arrivato un mister per il quale il curriculum parla da solo”.

Guardando i numeri, siete la seconda miglior difesa ma anche il secondo peggior attacco. E’ il reparto offensivo il punto debole?
“Siamo completi in tutti i reparti, ma in attacco quest’anno abbiamo avuto alcuni problemi. In molte partite, siamo stati sfortunati e, forse, ha influito anche la partenza di Gargano”.

In questo lungo periodo di sosta, come vi siete allenati? Cosa, in particolare, avete cercato di migliorare?
“Quando c’è stata la possibilità, abbiamo sempre cercato di allenarci sul campo sintetico in modo da perfezionare la tattica e la visione di gioco. Le corse in salita sull’argine, però, non sono mai mancate”.

Prossimo turno sul campo del Cibeno, seconda della classe, cosa vi aspettate da questa gara?
“Sangue negli occhi e andiamo avanti. Bisogna muovere la classifica che, comunque, è ancora abbastanza corta”.

Nell’ultima sessione di mercato, sei stato accostato a diverse squadre anche di categoria superiore. Cosa ti ha spinto a restare a Sant’Anna?
“Come ho sempre detto, e mai negato, le richieste fortunatamente ci sono sempre state, ma non posso e non mi sento di abbandonare i miei compagni e la società a metà stagione. Questa, per me, è molto di più di una squadra e di una società e sfido chiunque a non trovarsi bene a Sant’Anna”.

Obiettivi personali?
“Fare qualcosa di buono per il Sant’Anna anche quest’anno. Darò sempre il massimo e poi vedremo quel che verrà”.

Matteo Migliori

Matteo Migliori

Matteo Migliori, nato a Sassuolo nel '94. Vicedirettore del sito ParlandodiSport.it ed esperto del "mondo" dei dilettanti. Addetto stampa ACD Castelvetro di Modena.

Condividi