Modena - Padova, le pagelle: Gagno è super, bene Zaro e Perna, male Boscolo e Laurenti, Tulissi impalpabile

Gagno 7. Una parata incredibile sullo 0-0 e nessuna colpa sul gol, uno dei pochi punti fermi, e positivi, dei gialli in questo difficile inizio di campionato

Politti 6. Gioca una gara coraggiosa davanti ad un attacco pesante e veloce

Zaro 6,5. E’ il più pericoloso dei gialli con i suoi colpi di testa, contiene Mokulu, sempre più riferimento della difesa canarina

Perna 6,5. Sbaglia pochissimo davanti ad un Santini indiavolato

Mattioli 5. Gioca a sinistra, lui che è un destro puro, fatica e non affonda, mai, fuori ruolo

Duca 6. Unico che cambia ritmo a centrocampo, ma non c’è raccordo con l’attacco, a chi può dare palloni interessanti? (51′ Sodinha, 6. Lo picchiano dal primo all’ultimo minuto, le uniche palle pericolose passano dai suoi piedi. E’ visibilmente pesante, ma accende qualche luce nel buio)

Boscolo Papo 5. Sovrastato costantemente dal centrocampo patavino, non riesce a far girare la squadra, lui che dovrebbe essere il punto di riferimento di questa squadra

Davì 5,5. Non trova mai uno spunto, ma ci prova sino alla sostituzione (69′ Pezzella, 6. Ha la qualità che non ha nessuno degli altri centrocampisti canarini, cosa faccia in panchina è difficile da capire)

Laurenti 5. Mezzo voto in più perché schierato palesemente fuori forma e fuori ruolo (77′ Varutti, sv)

Tulissi 5. Inconsistente, leggero, non è una seconda punta, ma fatica anche come uomo dietro al centravanti (69′ Rossetti, sv)

Spagnoli 5,5. Gioca da solo contro una difesa che non sbaglia nulla, è giovane, difficile chiedergli molto di più (69′ Ferrario sv, non gli arriva un pallone giocabile che sia uno, sostituito nelle prime due gare, fuori nella terza, e la società lo ha sempre definito la punta di diamante della squadra… )

Gian Paolo Maini

Gian Paolo Maini

Gian Paolo Maini è editore e direttore della testata parlandodisport.it che ha fondato nel marzo 2014. Classe 1979, diventa giornalista nel 2008 ed inizia con la carta stampata per poi proseguire con radio e tv, di cui si occupa ancora. Scrive il suo primo libro "La prima corsa di Enzo Ferrari" nel 2013. Ha creato eventi sportivi e culturali con la propria agenzia di comunicazione ed oggi continua a farlo come libero professionista. Da 4 anni è addetto stampa di Modena Volley (Serie A maschile) e manager nel gruppo Rpm Media e Radio Pico.

Condividi