Mister Zironelli ha messo in chiaro le cose, era giusto farlo. E su Sodinha pensiamo che...

Ci sono interviste che valgono molto più di semplici interviste, allo stesso modo ci sono conferenze che vanno ben al di là di dichiarazioni di circostanza. Quella fatta oggi dal mister del Modena Mauro Zironelli fa parte delle conferenze non scontate, quelle in cui si mettono i puntini sulle i, dove non si ripetono banalità pregara, quelle dove si mettono in chiaro concetti che si vuole far passare chiaramente.

“Lo Ziro” oggi ha volutamente ripetuto un concetto chiaro, limpido, diretto, un concetto fatto di 4 parole, ripetuto più volte: il Modena deve raspare. Era arrabbiato Mister Zironelli, oggi, e non ha voluto nasconderlo. Tante sono le critiche che gli sono state mosse dopo le prime quattro gare di campionato, poche le analisi che hanno tenuto conto della squadra che gli è stata data in mano. Quello che ha voluto dire Zironelli oggi è chiaro e condivisibile: il Modena è una squadra che dovrà lottare per stare sopra alla zona salvezza, lontana dagli squadroni che si giocheranno la promozione, con una rosa fatta di buoni giocatori, ma anche tante giovani scommesse. Il Modena ha un grande Presidente che prima di investire ancora e forte a fine estate ha legittimamente chiesto un anno di transizione e consolidamento in C. Il Modena Fc è questo, è una squadra che dovrà raspare per mantenere la categoria per poi alzare lo sguardo verso l’alto e puntare ad altri traguardi. È giusto e doveroso sostenere i ragazzi in campo e la società che ha ridato vita e dignità a una realtà che era stata devastata. Modena, la Modena sportiva, quella passionale, fatica ad aspettare, storicamente, ma riconosce il buono dal marcio: qui c’è solo del buono, lasciamolo crescere e germogliare.

Ps. Approfittiamo dell’ editoriale sui gialli per chiarire una cosina sui post dedicati a Felipe Sodinha. Siamo stati i primi ad esultare per il suo arrivo a Modena, i primi a sottolineare le sue magie a Piacenza, i primi che esulteranno quando farà il suo primo gol in maglia canarina. Se ci permettiamo di scherzare su di un piatto di pesce e poi, a seguire, su di una misera bresaola con grana postati dal “nostro Brasileiro” è perché abbiamo l’assoluta serenità di chi distingue la satira dalla cattiveria e l’intelligenza dall’ignoranza. Se qualcuno non lo ha capito, beh… peggio per lui,, era chiaro come il sole.

 

Gian Paolo Maini

Gian Paolo Maini

Gian Paolo Maini è editore e direttore della testata parlandodisport.it che ha fondato nel marzo 2014. Classe 1979, diventa giornalista nel 2008 ed inizia con la carta stampata per poi proseguire con radio e tv, di cui si occupa ancora. Scrive il suo primo libro "La prima corsa di Enzo Ferrari" nel 2013. Ha creato eventi sportivi e culturali con la propria agenzia di comunicazione ed oggi continua a farlo come libero professionista. Da 4 anni è addetto stampa di Modena Volley (Serie A maschile) e manager nel gruppo Rpm Media e Radio Pico.

Condividi