Un momento del match tra Martignacco e Montale (foto: Roberto Sandoni)

Volley, A2/F: all'Exacer Montale il cuore non basta, Martignacco rimonta e vince 3-1

Non basta il primo set alle ragazze del presidente Barberini, e la “maledizione” delle trasferte continua: arriva la sesta sconfitta consecutiva su altrettanti match giocati lontano dalla palestra “Magagni”. Sorride l’Itas Città Fiera Martignacco che difende un prezioso quinto posto in classifica. All’Exacer Montale non bastano i trentadue punti di Katarina Luketić; ventinove quelli di Nwanebu.

Un match ad altissima intensità quello disputato sul taraflex del Palazzetto dello Sport di Martignacco, che premia le padrone di casa con il punteggio di 3-1. Successo arrivato in rimonta, dopo che Montale aveva chiuso in vantaggio il primo parziale, per poi arrendersi nei successivi tre. La chiave del successo è certamente da ricercare nel finale di terzo set, con le nerofuxia che trovano il break del 24-23 ma poi alzano bandiera bianca ai vantaggi. Fra sette giorni nuova sfida contro una squadra friulana per le ragazze di coach Tamburello, che a Castelnuovo Rangone ospiteranno Talmassons. La cronaca del match.

1° SET – Non ci sono sorprese nei sestetti iniziali, con il modenese Gazzotti che schiera Carraro e Nwanebu sulla diagonale principale, Fiorio e Dhimitriadhi in banda, Busolini e Rucli al centro e Caravello come libero. Tamburello si affida a Saveriano e Luketić sulla diagonale principale, Brina e Aguero come schiacciatrici, Gentili e Fronza al centro e Bici come libero. Parte bene la squadra friulana, che sfrutta subito il servizio di Carraro la quale trova anche l’ace del 3-0. Montale risponde riportandosi sotto di uno (3-4) per poi concedere nuovamente il più tre (6-3). Luketić prova a suonare la carica in casa nerofuxia, e con due attacchi vincenti riporta sotto la squadra ospite (5-6). Ritrovata la parità con Aguero (7-7), Montale concede un nuovo break alle avversarie (9-7). Ma il match rimane equilibrato, e al termine di uno scambio equilibrato chiuso dall’invasione delle friulane, arriva il 12-11 per Montale, e Gazzotti chiama il primo time-out del match. Lo stop giova a Martignacco che al rientro in campo trova ancora il break e con Fiorio che piazza il 13-12. A questo punto Montale rialza ancora una volta la testa e trova tre punti consecutivi, con l’ultimo firmato Luketić (15-13). Continua il sali-scendi e Martignacco si riporta avanti con Dhimitriadhi (17-16). L’Exacer rimane sul pezzo e Luketić trova la diagonale del 20-18, seguita dall’attacco a rete di Nwanebu (21-18). A questo punto Gazzotti si gioca anche il secondo time-out. Sul 19-21 per Martignacco entra al servizio Pecalli al posto di Dhimitriadhi. Aguero nel frattempo trova il 22-20 e Tamburello manda in campo Giovannini, a servire, che prende il posto di Fronza. Fiorio attacca out e regala il 24-20 a Montale. Giovannini sbaglia il servizio (21-24) e Tamburello la richiama in panchina per Fronza, mentre Gazzotti si gioca al servizio la carta Stival per Busolini. Carta che non funziona perché Fronza in primo tempo chiude il parziale a favore di Montale (25-21). Cinque punti per Nwanebu, nove quelli della Luketić.

2° SET – Il secondo parziale si apre senza novità per quanto riguarda i due sestetti. Martignacco prova subito a distanziare le emiliane (3-1), ma Luketić tiene lì il punteggio (2-3), poi l’errore al servizio di Gentili consegna il 4-2 alle padrone di casa. Martignacco continua reggere bene in difesa e Brina si ferma sul muro di Busolini (6-3). Sul parziale di 10-5 per Martignacco, Tamburello chiama il primo time-out della sua partita. Montale non riesce a trovare il break, e sul 12-7 per le friulane, Tamburello manda in campo Blasi per dare un po’ di respiro ad Aguero. Saveriano dai nove metri mette in difficoltà la ricezione di Martignacco, e sull’11-13 firmato Luketić arriva il time-out di Gazzotti. Martignacco ritrova il sorriso e il più tre con Dhimitriadhi (14-11), poi il pallonetto della Luketić vale il 12-14. È sempre l’opposto croato a dar fastidio a Martignacco, che assieme a Fronza riporta il punteggio in parità (14-14), con Gazzotti che manda in campo Beltrame per Fiorio. Sul 15-15 le friulane rialzano la testa e si portano sul più tre (18-15), e Tamburello a questo punto si gioca il time-out. Prima di riprendere il gioco per Montale entra nuovamente Giovannini, ma questa volta al posto di Brina. Indecisione di Bici che regala il 19-15 a Martignacco e Tamburello la sostituisce con Buffagni. Sul 17-20 firmato Gentili, Tamburello rimanda in campo Brina per Giovannini. Invasione delle friulane che fa riavvicinare Montale (18-20), poi arriva una doppia di Saveriano che ristabilisce le distanze (21-18). Sul 22-19 Gazzotti richiama Rucli e manda in campo Stival per il servizio, ma il cambio-palla è di Montale con Luketić (20-22), poi Brina riapre nuovamente il parziale (21-22). A questo punto Gazzotti manda dentro Caserta per Busolini. L’ace di Nwanebu (24-21) consegna i set-point alle padrone di casa: Fronza annulla il primo e Tamburello rimanda dentro Aguero per Blasi. È ancora Fronza ad annullare un altro time-out, e sul 23-24 Gazzotti si gioca il secondo time-out. Al rientro in campo si rivede Busolini per Caserta, e a chiudere il set è Nwanebu (25-23). Sette punti a testa per Nwanebu e Luketić.

3° SET – Terzo parziale che si apre con una modifica nel sestetto base di Gazzotti, che tiene Fiorio in panchina e si presenta con Beltrame. Subito 3-0 Montale con l’attacco vincente di Luketić, l’attacco out di Nwanebu e il colpo del più tre di Brina. Break delle friulane col primo tempo di Rucli (2-3), ma ancora Luketić per il nuovo break di vantaggio (4-2). Incontenibile la croata di Montale, con un muro vincente e un pallonetto firma il 6-3. Sull’8-4 per Montale, Gazzotti manda dentro Busolini per Caserta. Beltrame vince il contrasto a muro con Saveriano, ma Aguero ristabilisce il più quattro (10-6). Montale doppia Martignacco con il muro vincente di Saveriano e l’ace di Aguero (12-6), e Gazzotti chiama il primo time-out del set. Martignacco trova il break dopo il muro vincente di Rucli su Fronza (9-13). Il 14-9 piazzato da Montale arriva al termine di uno scambio infinito, che lascia le giocatrici piegate sulle gambe dalla fatica e scatena un lungo applauso da parte del pubblico. In seguito arriva il break delle padrone di casa (11-14), poi Luketić trova il 15-11. Sul 12-15 si rivede in campo Giovannini, nel campo di Montale, che prende il posto di Brina. Si rifà sotto in maniera decisa la squadra di casa, e sul 14-15 Tamburello si gioca il time-out. Sul 16-14 per Montale, Tamburello manda al servizio Migliorini, che prende il posto di Fronza. L’attacco out di Giovannini vale il break per Martignacco, e riporta il punteggio in parità (17-17). Spazio anche per Bellini, che sul 19-18 per Montale entra al servizio per Gentili. Nuova parità (19-19) e Gazzotti manda dentro, sempre per il servizio, Pecalli (per Beltrame). Il punto del 21-21 lo firma Migliorini, ma Martignacco gestisce bene il cambio-palla e con il primo tempo di Caserta fa 22-21. Sul 23-22 entra torna in campo Beltrame per Pecalli, ma Tamburello ferma il gioco col time-out. Un mani-out preso da Aguero consegna il set-point a Montale (24-23), e Gazzotti si gioca il time-out. Ad annullare il set-point è Nwanebu (24-24), che poi trova anche il pesante break (25-24). Aguero attacco out e il parziale va a Martignacco (26-24). Undici punti a testa per Nwanebu e Luketić.

4° SET – Cambia ancora Gazzotti in avvio di parziale, e c’è Caserta in campo anziché Busolini; Tamburello mantiene invece il sestetto base. Montale sembra risentire del colpo psicologico dopo i due set persi, e ritrova subito sotto 5-0 in avvio di quarto set, col più cinque firmato dal muro di Beltrame e con Tamburello che sfrutta subito il time-out. La situazione per le emiliane non cambia, anzi peggiora. Si arriva fino al 7-0 per Martignacco (con Tamburello che sostituisce Brina con Giovannini), poi Nwanebu attacca out e consegna il primo punto del set a Montale. Le friulane mantengono il più sette con l’invasione di Fronza (9-2). Il 3-9 è di Giovannini, che trova il suo secondo punto in questo set. Vantaggio di Martignacco che s’incrementa con l’invasione di Aguero (12-4), poi due volte Luketić per il 6-12. Il primo tempo Gentili, con un buon turno al servizio di Luketić, riavvicina a piccoli passi Montale (9-13). Ancora Gentili per l’11-15 che poi lascia il posto a Bellini in battuta. Montale non riesce a trovare il bandolo della matassa e l’attacco out di Giovannini regala il più sei a Martignacco (17-11). Tamburello ferma il gioco col time-out sul 19-12. Luketić trova il punto del 15-19 e Gazzotti chiama time-out. Il più quattro permane, con Giovannini che prova a tenere Montale aggrappato al match (18-22). Rucli mura Aguero (24-18) e consegna i match-point a Martignacco. È proprio un muro a chiudere il parziale (25-18) e di conseguenza il match. Sei punti a testa per Nwanebu e Beltrame, cinque quelli della Luketić.

IL TABELLINO

ITAS CITTÀ FIERA MARTIGNACCO-EXACER MONTALE 3-1 (21-25; 25-23; 26-24; 25-18)

[Durata set: 26’, 31’, 32’, 33’; tot. 2h02’]

ITAS CITTÀ FIERA MARTIGNACCO: Carraro 5, Nwanebu 29, Fiorio 3, Dhimitriadhi 10, Busolini 4, Rucli 8, Caravello (L1), Pecalli 0, Stival 0, Beltrame 8, Caserta 4, Sabadin ne, Giugovaz ne. All. Marco Gazzotti.

EXACER MONTALE: Saveriano 1, Luketić 32, Brina 10, Aguero 9, Gentili 9, Fronza 5, Bici (L1), Giovannini 3, Blasi 0, Migliorini 2, Bellini 0, Tosi ne, Sandoni ne, Buffagni (L2). All. Ivan Tamburello.

ARBITRI: Antonio Licchelli; Nicola Traversa.

NOTE – Spettatori 300 circa. Itas Città Fiera Martignacco: 4 Ace, 5 Battute sbagliate, 10 Muri; Exacer Montale: 3 Ace, 10 Battute sbagliate, 5 Muri.

Giovanni Cristiano

Giovanni Cristiano

Classe 1991, calabrese di nascita ed emiliano di adozione. Se c'è un pallone che rotola, lì, ci sono anch'io. Da sempre sui campi da calcio, per una passione che non conosce confini.

Condividi