Foto dal web

Modena FC - Gazzetta di Modena - Ghirelli ringrazia Russo e il club gialloblu: "Lavoro continuo per le società e la Serie C"

Come riporta la “Gazzetta di Modena”, il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli ha inviato una lettera di ringraziamenti al club gialloblu per le dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi dal segretario Andrea Russo: “Caro Andrea, ti ringrazio delle parole spese e del continuo sostegno del Modena. Ti garantisco che l’impegno di tutti quelli che lavorano in Lega Pro è commovente, in questi giorni di lavoro continuo per declinare il decreto e offrire un servizio ai club perché ne possano utilizzare ogni piega dello stesso; il lavoro con Price per valutare l’impatto economico che abbiamo consegnato a Gravina, l’unico deputato per la crisi ad interloquire col governo, ci ha costretto ad un grande lavoro di intelligenza concreta, ma è stata una fatica. Stavamo impostando con Price il Piano Strategico per mettere in sostenibilità economica i club, è “fiondato in modo subdolo e silente” il virus e abbiamo virato sul Piano crisi, formando il Comitato Covid-19. Il Piano lo presenteremo presto, terrà insieme la fase emergenziale e quella della ripresa: non c’è un prima e un dopo, le due fasi sono interconnesse e noi, il calcio che fa bene al Paese, dobbiamo essere pronti a scattare nella ripartenza della normalità quando sarà decretata dalle autorità scientifiche. Post-bellico e post-virus: qual è la differenza sostanziale? E come inciderà sul calcio? Finiti bombardamenti e guerra tutti correvano in piazza, in strada, per abbracciarsi, baciare i soldati e brindare insieme ballando. Lo stadio fu il simbolo della nuova libertà, espressione massima dell’evento di massa in cui cantare, far sventolare bandiere, abbracciarsi per esprimere la gioia del gol. Il post-virus ci consegnerà una situazione opposta, uno scenario di paure, di non fidarsi l’un dell’altro. Cosa fare? Sarà un lungo lavoro in cui occorrerà riconquistare la fiducia della gente negli spazi territoriali di vita, negli stadi, in ogni luogo deputato allo svolgimento di eventi. Sarà un lavoro di lunga lena che se non fatto rischierà di portare nel dimenticatoio il calcio. Ecco perché dovremo mettere subito cuore e valori per disegnare, oggi, il calcio del dopo virus”.

Condividi