Scuola di Pallavolo Serramazzoni, il Sindaco promette tempi rapidi per dare soluzioni a famiglie e società

“Con la collaborazione di tutti, saremo in grado di anticipare i tempi di consegna degli impianti”, è questa la promessa del Sindaco di Serramazzoni Claudio Bartolacelli fatta davanti a oltre 200 famiglie della Scuola di Pallavolo, in occasione dell’incontro società-amministrazione comunale di giovedì 17 settembre.

La riunione, presieduta da Marco Neviani, presidente dell’Anderlini, si è aperta descrivendo alle famiglie del territorio le condizioni di difficoltà in cui versa la società, alla luce della decisione del Comune di rilocare la Scuola dell’Infazia all’interno del Palazzetto dello Sport di Via Lago delle More.

Dopo un excursus sui fatti accaduti nelle ultime settimane, Rodolfo Giovenzana, presidente della S.di P. Serramazzoni, ha spiegato l’importanza della presenza della società sul territorio serramazzonese sin dalla sua fondazione nel 1997.

Claudio Bartolacelli, dal lato dell’Amministrazione ribadisce che, “Il Comune ha adottato dei provvedimenti in linea con le direttive, le quali sono diventate più chiare a partire dal DPCM del 7 agosto. Abbiamo provato a far convivere la scuola e lo sport, fino a quando il Responsabile della Sicurezza della Scuola d’Infanzia ha tolto ogni dubbio, chiudendo le porte a questa eventualità. La difficoltà nel prendere decisioni e la tempestività delle comunicazioni è dipesa dalla poca chiarezza delle direttive. Siamo vicini alla Scuola di Pallavolo e a tutto lo sport. L’amministrazione si impegnerà ad accorciare i tempi di attesa per i nuovi impianti e a coprire le spese per l’occupazione di nuovi spazi, in questo periodo di transizione. Non dovremmo piangerci addosso, non c’era altra soluzione. Ci impegneremo affinché i tempi di consegna degli impianti, previsti per metà novembre, siano più brevi.

Marco Neviani, presidente S.di P. Anderlini, Siamo nelle mani del comune e dei suoi tempi. Più brevi saranno meglio è per i ragazzi, per dare continuità alle attività e per la sopravvivenza stessa della società. Ogni giorno guadagnato ci dà respiro, a noi Scuola di Pallavolo e a tutte le società del territorio che vengono penalizzate direttamente o indirettamente da questa situazione”.

A oggi le tempistiche previste di consegna degli impianti e le autorizzazioni per l’utilizzo sono fissate per novembre, un tempo estremamente lungo per una società sportiva in avvio di stagione, che rischia di essere compromessa con l’abbandono dei tesserati e quindi la chiusura delle attività.

“La situazione di Serramazzoni è unica nel suo genere in tutta la provincia di Modena. Nel periodo di lockdown è stato registrato nei bambini un aumento del 9% di problemi legati al sovrappeso e all’obesità patologica. Non mettere le società sportive nelle condizioni di fare attività è un grave danno sociale e sanitario. I campionati sono l’ultimo dei nostri problemi. Confidiamo nelle promesse dell’amministrazione comunale, prese questa sera alla presenza delle famiglie.” Queste le parole di Eugenio Gollini, presidente Fipav Modena, che chiude l’incontro con il giusto spirito, “Siamo uomini di sport, non guardiamo a set finiti, ci concentriamo su quelli ancora da giocare”.

La Scuola di Pallavolo Serramazzoni resta in attesa delle informazioni necessarie per la ripresa delle attività nel più breve tempo possibile, ribadendo la disponibilità a collaborare con l’Amministrazione Comunale, che oggi può mettere a segno il punto decisivo per vincere la partita.

Condividi