Modena Volley - Gazzetta di Modena, Giani: "Giochiamo bene, ma non basta, contro Piacenza occorre la vittoria"

Come riporta la Gazzetta di Modena, Giani ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Noi giochiamo bene. In ogni partita che abbiamo disputato abbiamo sviluppato una mole di gioco importante. La sconfitta di domenica mi ha fatto molto arrabbiare per altre situazioni, dovevamo assolutamente portare la sfida al tiebreak. Perdere il quarto set in quel modo mi ha provocato amarezza e molta rabbia. Quando giochi così bene, devi mettere per terra più palloni. Intanto è un derby e giocheremo contro una squadra che ha un super roster. Però questo inizio di stagione ci racconta che, finora, sono una squadra che ha fatto fatica ad ottenere risultati. Ci aspetta una partita che, sulla carta, non è proibitiva; ma anzi il risultato è molto aperto. Hanno investito molto in estate, e dopo i primi risultati negativi hanno subito cambiato allenatore. Evidentemente hanno tante pressione sui risultati che devono ottenere. Bernardi ha portato un maggior equilibrio nel cambio palla, stanno crescendo tantissimo. Soprattutto gli schiacciatori hanno alzato il loro livello di gioco. Noi, però, dobbiamo vincere. Michele non si è praticamente allenato con la squadra, bisogna capire qual è la sua condizione fisica, ma tecnicamente rimane uno dei palleggiatori più forti del campionato. Sicuramente porterà un cambiamento forte nel cambio palla, però quando si inserisce un giocatore bisogna registrare la sintonia con i compagni e provare nuove cose. Michele non si è praticamente allenato con la squadra, bisogna capire qual è la sua condizione fisica, ma tecnicamente rimane uno dei palleggiatori più forti del campionato. Sicuramente porterà un cambiamento forte nel cambio palla, però quando si inserisce un giocatore bisogna registrare la sintonia con i compagni e provare nuove cose. C’è una richiesta diversa per i giocatori che sono reduci da un infortunio. Io sto dando molto fiducia al Vetto e sappiamo che dobbiamo avere pazienza. Aspettiamo la sua crescita perché è un giocatore di valore e molto importante per noi. Per me rimane il titolare di questa squadra, poi è ovvio che non posso tenerlo in campo se non è efficiente. La stagione è lunga e vogliamo metterlo nella miglior condizione possibile. Per la Superlega sono fiducioso, gli attuali protocolli sono sicuri e ci permettono di allenarci e giocare. La Champions vorrei disputarla, ma bisogna aspettare con l’elezione del nuovo presidente (ieri la conferma ufficiale di Boricic ndr) della Cev per conoscere il futuro in Europa“.

Condividi