Festa dell’Endurance, Fratellanza al terzo e quarto posto nelle classifiche assolute maschi e femmine

La seconda giornata della Festa dell’Endurance è partita di primo mattino con le gare in scena contemporaneamente sia sul campo che nella zona antistante in Viale Autodromo dove si è disputata la marcia.

3000 metri Allievi, Pasquinucci c’è
Dopo il successo sui 1500 metri arriva anche il bronzo nei 3000 metri a completare il weekend di grandi risultati del giovane mezzofondista gialloblu Alessandro Pasquinucci. Nelle tre serie in programma il portacolori della Fratellanza si è trovato a partire in seconda ed ha saputo giocare di testa e cuore. In prima serie i suoi colleghi che vantavano accrediti migliori hanno impostato una gara tattica su ritmi regolari mettendo in scena un ultimo chilometro molto veloce che ha portato Andrea Ribatti a vincere in 8’44”75. Per salire sul podio a quel punto era necessario correre più forte di 8’47”50, ma che le danze non erano finite lo sapevano bene i partenti della seconda serie che fin da subito, al contrario di chi li aveva preceduti, hanno impostato la gara sul ritmo. I passaggi al primo e al secondo chilometro davano in proiezione un tempo molto vicino a quello della prima serie. La gara si è poi accesa, come sempre, all’ultimo chilometro dove la testa della gara Spanu della Isolarun ha sferrato un allungo che gli ha concesso di guadagnare qualche metro su De Nigro della Eisaktal Raiffesen. Anche il gialloblu Pasquinucci a 300 metri dal traguardo, acclamato da tifosi e dal tecnico Tiberio Muracchini, ha incrementato il ritmo dando vita ad una notevole progressione che lo ha portato a chiudere la gara in 8’44”54.

Il podio
La seconda serie ha letteralmente scalzato la prima dal podio andando ad occupare tutte e tre le piazze. Sicuramente l’età e un po’ di mancata esperienza sono stati decisivi nel dettare la classifica finale di questa gara che vede comunque ancora una volta il giovane mezzofondista modenese salire sul podio e mettere al collo un’altra medaglia, questa volta di bronzo.

In gara per la categoria Junior anche Gian Marco Ronchetti che ha corso in seconda serie riuscendo a limare il record personale di un secondo, portandolo a 9’12”36, chiudendo così al diciottesimo posto finale.

Marcia, Palmisano al record italiano
La giornata di domenica resterà nella storia della marcia dell’atletica italiana e non solo. La pluripremiata e terza al mondo lo scorso anno a Doha Antonella Palmisano ha scritto la storia nel tracciato di un chilometro disegnato dalla Fratellanza nella zona antistante il Campo Comunale in Viale Autodromo. Le marciatrici hanno percorso dieci volte il tracciato e la Palmisano, coi colori delle Fiamme Gialle, ha fin da subito impostato una gara su ritmi serrati per concludere in 41’28” siglando un nuovo record italiano, abbattendo il precedente di 41’38” che resisteva dal 1997.

Nella gara senior maschile Cesare Cozza ha difeso i colori gialloblu contro rivali di alto spessore tecnico. La competizione ha visto tagliare per primo il traguardo su Viale Autodromo Francesco Fortunato delle Fiamme Gialle in 39’06”. Il portacolori della Fratellanza ha conquistato la diciassettesima piazza in 45’37”. La Fratellanza femminile ha schierato la sua marciatrice nella gara Allieve dove Letizia Gavioli, allenata da Martina Ferrari, ha saputo marciare forte nella gara giusta. Dopo una partenza in sordina, usata per studiare le avversarie, nelle fasi finali di gara la gialloblu ha cambiato passo riuscendo a guadagnare qualche posizione facendo siglare un ottimo 26’05” che le è valso il primato personale di oltre un minuto e la sesta piazza, riuscendo così a ricevere una medaglia e la consacrazione del risultato al di sotto dell’arco di partenza che al momento di ogni cerimoniale vedeva le migliori chiamate alle premiazioni per il cerimoniale.

5000 metri
Le gare assolute sui dodici giri e mezzo di pista sono state avvincenti e combattute. I gialloblu hanno fatto capolino nella gara assoluta con Alessandro Giacobazzi, che vestiva la tenuta del C.S. Aeronautica, ma utile a portare punti per la classifica di società complessiva. Il pavullese ha concluso la gara in 14’32”56 per la quindicesima piazza. Nella gara femminile impegnata anche Alice Sgarbi che ha chiuso con 20’46”47 nella categoria Promesse.

Classifica di società
La classifica finale di società ha visto la squadra maschile della Fratellanza conquistare il terzo posto tra gli assoluti con 12623 punti, alle spalle di CUS Palermo con 12650 punti. A vincere lo scudetto l’Athletic Club 96 di Alperia con 12909 punti. Il commento tecnico è positivo, la Fratellanza ha saputo difendersi al meglio in un’annata dove nulla era da dare per scontato. Inoltre a livello assoluto sono mancati alcuni risultati che avrebbero sicuramente fatto conquistare ai gialloblu altri punti preziosi per la scalata della classifica.  Il Trofeo dell’Endurance ha visto la Fratellanza al quinto posto della classifica stilata considerando solo le gare della due giorni di Modena.

Al femminile, invece, il podio è stato sfiorato dalle gialloblu che con 11777 punti restano al quarto posto. Il titolo è andato all’Atl. Bergamo con 13845 punti, secondo il CUS Pro Patria Milano con 13379 punti, terza la Bracco Atletica con 12599 punti. Anche in questo caso aver fuori dai giochi alcune delle migliori atlete gara, tra cui Maria Chiara Cascavilla impegnata ai Mondiali di mezza maratona, ha penalizzato il piazzamento finale che comunque ha visto la Fratellanza essere la quarta miglior società d’Italia. Analizzando i risultanti legati al solo trofeo dell’Endurance la Fratellanza ha totalizzato 2566 punti piazzandosi undicesima. Prima piazza per il CUS Torino.

Le singole categorie
La classifica Junior/Promesse ha visto la formazione maschile gialloblu conquistare la quinta piazza con il punteggio finale di 11211 punti. A vincere lo Scudetto Under 23 è stata l’Atl. Bergamo 1959 Oriocenter e a precedere la Fratellanza al quarto posto il CUS Parma. Secondo posto, invece, per l’Atl. Vicentina, terza la Studentesca Miliardi di Rieti. Nella classifica del Trofeo dell’Endurance la Fratellanza ha ottenuto il dodicesimo posto con il punteggio di 2262 punti, il titolo del Trofeo dell’Endurance Under 23 è andato all’Atl. Bergamo.

A livello femminile le Under 23 geminiane hanno conquistato la terza piazza a livello nazionale con un bottino di 12248 punti, il titolo è andato alla Bracco con 12881 punti e seconda l’Atl. Metallurg. San Marco con 12744 punti. Analizzando soltanto la due giorni di Modena la Fratellanza femminile Under 23 è riuscita a conquistare 3326 punti utili a raggiungere la quinta piazza nella classifica apposita.

Nella categoria Allieve le gialloblu hanno totalizzato 5973 punti utili a piazzare la Fratellanza al dodicesimo posto nella classifica finale di società che ha visto vincere lo Scudetto Under 18 alla Atl. Studentesca Milardi di Rieti con 11723 punti. Considerando il solo Trofeo dell’Endurance le Allieve hanno totalizzato 807 punti piazzandosi al quarantesimo posto.

Nella categoria Allievi la Fratellanza si deve accontentare di un trentaduesimo dovuto alla mancanza di molti atleti gara, nonostante le ottime prestazioni nel mezzofondo fatte registrare in questi due giorni che vedono la società all’ottavo posto nella classifica della due giorni di Modena. Gran parte di questo risultato è opera di Pasquinucci.

Marcia
Nel Cds maschile assoluto quattordicesima piazza per la Fratellanza con 24 punti, dodicesimo posto tra le Allieve, invece, con 35 punti.

Discorso a parte per la Coppa Italia, che vede gli atleti militari portare punti alla squadra militare e non alla vecchia società di appartenenza. Nonostante ciò la Fratellanza ha comunque saputo trovare spazio anche tra società con atleti alto spessore tecnico e con competizioni alle spalle che danno al singolo atleta un grosso bagaglio di esperienza. La Fratellanza in questa classifica ha saputo distinguersi al femminile dove ha raggiunto la sesta piazza grazie ai 60 punti conquistati. La Coppa Italia femminile è stata vinta dal C.S. Carabinieri con 130 punti. Al maschile la compagine gialloblu ha conquistato l’ottavo piazzamento con 43,5 punti nella classifica che ha visto primeggiare il C.S. Aeronautica Militare.

Andrea Lolli

Andrea Lolli

Nato a Bazzano (BO) nel 1985 si avvicina al mondo del giornalismo tramite il web entrando a far parte della redazione del portale calcistico Tuttomercatoweb. La prima esperienza su carta stampata è la collaborazione con il quotidiano Modena Qui iniziata nel marzo 2009. Tra le esperienze principali nel mondo della comunicazione sette anni da Responsabile Ufficio Stampa nella pallavolo femminile di Serie A1 a Modena e due anni nella redazione giornalistica dell'emittente TV Qui.

Condividi