Dilettanti - Modenese, il patron Salvioli: "Le situazioni difficili mi stimolano, confermo il mio impegno. Giusto che le giovanili continuino ad allenarsi"

Massimiliano Salvioli, divenuto in estate il nuovo patron della Modenese Calcio, ha scelto di proseguire questa avventura insieme alla famiglia Ascari, con Giorgio che ha mantenuto il ruolo di presidente, per dare continuità all’ottimo lavoro svolto negli anni e per la fiducia che ripone nello staff dirigenziale gialloblù. In seguito ai primi mesi di lavoro nella nuova società e al periodo di emergenza che si sta attraversando, Salvioli ha fatto il punto della situazione: “L’approccio iniziale con la famiglia Ascari e tutta la dirigenza della Modenese è stato molto positivo, ho trovato persone vere e sincere con cui è un piacere collaborare. Adesso, in seguito alla sospensione del campionato e con la paura di essere colpiti dal Covid, siamo in attesa di sviluppi, attenti e vigili. Le situazioni difficili mi stimolano e confermo assolutamente il mio impegno nella Modenese, imprenditorialmente ci sono alti e bassi in tutte le attività e questo momento così delicato va affrontato nel modo giusto, con la giusta attenzione, ma con grande lucidità. Ovviamente, per via di questa situazione, il progetto di ampio respiro che avevamo in mente è in stand-by, ma sono contento della scelta che ho fatto e sempre più deciso nel proseguire al fianco della Modenese”. Salvioli si è soffermato anche sull’attività del Settore Giovanile e della Scuola Calcio: “L’attività giovanile, nel rispetto dei protocolli e delle norme anti Covid, sta continuando e credo che questo sia importante perché i bambini devono potersi muovere e interagire, lo sport è anche una scuola di vita”.

Condividi