L'avvocato Pietro Carlo Ferrario interviene sull'uso del monopattino in vista degli incontri di Aci Modena nelle scuole e non solo

L’avvocato Pietro Carlo Ferrario interviene sull’uso del monopattino in vista degli incontri di Aci Modena nelle scuole e non solo
“ACI Modena è da sempre assolutamente attenta all’educazione stradale ed é sostenitrice del messaggio che é con le prevenzione e con l’insegnamento continuo che si stimolano comportamenti virtuosi in ambito stradale”
 
“La Settimana Europea della Mobilità Sostenibile di cui quest’anno si é celebrato il ventennale, -ha spiegato l’Avvocato Pietro Ferrario, presidente della commissione giuridica di Aci Modena- rappresenta l’occasione di sensibilizzazione più importante della Commissione europea sulla mobilità urbana sostenibile, per promuovere il cambiamento comportamentale a favore della mobilità attiva”. In occasione della Settimana Europea della Mobilità sono stati realizzati in versione digitale sia una brochure che un opuscolo informativo che l’Automobile Club stamperà per utilizzarli in iniziative divulgative che verranno realizzate in ambito  scolastico e non solo relative all’uso del monopattino. L’utilizzo di tale mezzo ha regole chiare, come chiarissimo è ciò che si deve e non si deve fare: “È fondamentale – prosegue Ferrario –  usare le piste ciclabili se presenti; indossare il casco se si è minorenni; Indossare un indumento ad alta visibilità e accendere le luci quando è buio (da mezz’ora dopo il tramonto fino a mezz’ora prima del sorgere del sole e di giorno in caso di scarsa visibilità); Avere libero uso di braccia e mani ed essere sempre in grado di compiere con la massima libertà e facilità le manovre necessarie. E’ giusto ricordare che le regole del Codice della strada valgono per chiunque frequenti la strada e che anche un monopattinista può essere coinvolto in un procedimento penale per lesioni stradali colpose o omicidio stradale colposo, se vi é violazione contestuale di una delle predette norme. E’, quindi, importante utilizzare il monopattino con la massima prudenza-conclude Ferrario- e nel rispetto di tutte le norme di condotta del C.d.S. È vietato -ancora- guidare in stato di alterazione (da alcolici, sostanze psicotrope e stupefacenti); guidare senza mani; Impegnare le braccia in altro che non sia la guida; Trasportare persone, animali o cose; Trainare o farti trainare da altri veicoli; Circolare di sera se il veicolo è sprovvisto di luci; Circolare sui marciapiedi”.

Condividi